?

Log in

No account? Create an account
 
 
Alexiel Mihawk
Note: scritta per la M1 del Cow-T con il prompt DISORDINE. Non riletta, non betata,, senza note né altro finché non verrà rivista post CowT as usual.
6110 Parole - NSFW

leggiCollapse )
 
 
Alexiel Mihawk
04 March 2017 @ 09:29 pm
Drabble: The Raven Cycle
Parole: 171
Prompt: primavera

Declan


Ronan Declan non era nato arrabbiato, lo era diventato col tempo.
La colpa era parzialmente di suo padre, parzialmente di suo fratello – soprattutto di suo fratello. E non perché Declan odiasse Ronan, nessuno che lo conoscesse a tali livelli poteva davvero odiare Ronan. Il problema era a monte, era il non essere nessuno in una famiglia dove chiunque era qualcosa di più, il problema era la sua umanità – ed era come essere fatto di neve e gelo e alberi senza foglie in una famiglia dove era sempre primavera e dove Aurora danzava nel prato a piedi nudi e dove passava sbocciavano i fiori. Era stata proprio quella umanità a renderlo così arrabbiato col mondo – una caratteristica propria di tutti i Lynch, sebbene Declan detestasse l’idea di avere qualcosa in comune con suo fratello.
O forse desiderava da anni avere qualcosa in comune con suo fratello, ma non il carattere, mai il carattere. Declan Lynch avrebbe voluto imparare a sognare, ma da suo padre aveva ereditato solo la rabbia.
 
 
Alexiel Mihawk
04 March 2017 @ 09:32 pm
Drabble: The raven cycle
Parole: 121
Prompt: estate

Argentina


She had dreamt of those places. She had dreamt of the trees, the stars, the old mountain roads filled with dust and history and love. There is nothing better than walking down those roads now, Blue feels so full of love, of hope, of joy, she is traveling and she is finally seeing the world, and the most important thing? She is not alone. Never alone. Gansey takes her hand and laughs at her jokes, he kisses her forehead and smile – and, God, there’s so much love in that smile. It’s hot, even at night, summer is at his peak and down the earthy roads of Argentina they kiss under a sky of stars. Blue has never been happier before.
 
 
Alexiel Mihawk
04 March 2017 @ 09:34 pm
Drabble: The raven Cycle
Parole: 154
Prompt: primavera

Home


They had been making tea.
Well, Calla had, Maura had been too busy watching the flower blossoming in the garden. The first days of spring, when Gwellinian chanted old songs in dead languages and Artemus came out from the trees, shaking them, making the flowers fall in a storm of pink and white.
Calla had been making tea. She had been waiting for a while. Not for Spring.
It was a call she had received a while before from someone they had all been waiting for, from someone Maura had been waiting with her heart open in her hands.
The door opened with a creek and as the man came in petals followed him and a soft breeze entered the room; Maura looked inside, out of curiosity more than out of real interested, and she found herself holding her breath and smiling.
«I’m home» said the Grey Man, said Dean Allen «Can I stay?»
 
 
Alexiel Mihawk
04 March 2017 @ 10:00 pm
Drabble: Goblin
Parole: 181
Prompt: primavera

Lacrime

Eun Tak si stringe le mani al petto e piange.
Piange così forte che Sunny, seduta nel suo appartamento con una bottiglia di birra in mano, la sente fino dal piano di sotto, attraverso il pavimento.
Le si stringe il cuore e vorrebbe salire di sopra, abbracciarla e raccontarle la verità, raccontarle tutto. Ma non può farlo, perché dopotutto Eun Tak ha dimenticato.
Sunny guarda fuori dalla finestra e aggrotta la fronte, irritata, è il primo mese di primavera e tutta quella pioggia non dovrebbe nemmeno cadere; non ha ragione di cadere, non può nemmeno giustificarla a sé stessa dicendosi che suo fratello è di cattivo umore, che è triste e ha alterato il clima.
No, è solo il tempo a fare schifo e non è giusto, perché quel genere di perturbazione rende sempre tutti loro profondamente tristi. Lei sa perché e affoga il dispiacere in una birra, Eun Tak non capisce e piange, piange fino a non avere più lacrime, fino a non avere più fiato in corpo.
E non è giusto. Come sempre, in ogni vita che ha vissuto.
 
 
 
Alexiel Mihawk
04 March 2017 @ 10:03 pm
Drabble: Goblin
Parole: 216
Prompt: Inverno

the first snowfall


The first snowfall has come and passed.
Winter howls and the snow covers Seoul, it’s bright and soft and cold, and Eun Tak loves it more than anything else. She’s not sure why, but she loves the snow. Her mother used to tell her how it was snowy outside when she was saved, when the miracle happened. It was winter back then too. Maybe that’s the reason.
Otherwise she can’t understand why she loves so much watching at the big snowflakes falling from the sky, shining in front of the street lamps.
Sometimes she dreams of a field of flowers, lightened by a dim street lamp, when she was younger and life seemed easier, when she was happy. Snowflakes fell from the skies and stopped mid-air. In the dream, she hears a voice and she knows it, and she knows those words.
Every moment I spent with you… shined. Because the weather was good, because the weather was bad and because the weather was good enough.
She wakes up with tears in her eyes and a shattering sense of loneliness. She cries.
But, in the end, it doesn’t matter, she still loves the snow, she still waits for the first snowfall to arrive and when it passes she doesn’t really know what she wanted to happen.
 
 
Alexiel Mihawk
Drabble: Goblin
Parole: 204
Promp: Inverno

The one who remembers, the one who hopes


It’s been nine years.
He never once stopped to talked to Kin Sun nor to Eun Tak. He had not been blessed with oblivion, but it’s better this way. He doesn’t want to forget, he wants to remember everything.
Every smile, every tear, every laugh, every mistake. He never wants to forget anything else, never again.
He sometimes checks on them, it’s just to control if everything is all right – at least that’s what he tells himself; he never speaks, though, he never takes off his hat, nor he let them see him and when it happens he’s so casual and random that they never notice him.
He misses them more than everything, the warm friendship he had formed with Eun Tak, the soft and sad smile Sunny used gave him, the memories, the pain, even Kim Shin.
There is a part of him, a small hopeful and somehow naïve part of him, that still believes that they’ll be all together again one day, on the first day of winter, during the first snowfall when the wind gets colder and love warms their hearts. He dares not admit it, he knows it’s still impossible, but he is still dreaming of a happy ending.
 
 
Alexiel Mihawk
04 March 2017 @ 10:09 pm
Drabble: Goblin
Parole: 182
Prompt: Inverno

The lonely goblin

He tries not to cry, but he fails. Miserably.
The Grim Reaper looks at him from the sofa in the living room, but he dares not speak. He feels guilty, he should have seen that coming, he should have prevented it. They both know it wasn’t possible. It still hurts.
Kim Shin makes it rain for days, it rains so much that for a while Wong Yeo is afraid the world will be flooded by the goblin tears. It doesn’t happen. The world keeps spinning and turning and living. They die every die a bit more, yet they keep going on with their lives.
It doesn’t rain as much as before, not anymore, but the way Kim Shin looks at the sun is still unfitting, it makes everyone sad. It’s on the day of the first snowfall that he smiles for the first time after months, no one knows why, but everyone is relieved.
Kims Shin doesn’t say a word, he just sits there, with a book in his hands, his eyes closed and he waits. And he smiles. And he hopes.
 
 
Alexiel Mihawk
04 March 2017 @ 10:12 pm
Drabble: Goblin
Parole: 175
Prompt: Inverno

Eun Tak died twice.


Eun Tak died the first time on a winter night.
She wasn’t even born yet her life had already ended. It was the cruel and unmerciful fate given to her by the divinity, a divinity that kept looking humanity from above, never far away, but never too close. She had been saved by the merciful hands of a lonely goblin, the very same men she ended up falling in love with, the very same man who changed her life completely.
Eun Tak died the second time on a winter day.
This time it was her choice, it was her sacrifice. Someone called her an angel for what she had done, for the choice she had made, Kim Shin only asked her why. The answer was in the eyes of those children she had saved, it the warm arms of their parents who had realized what could have happened if she hadn’t been there.
But she was. And it was her choice.
When Eun Tak died, she died in pain, but she also died in peace.
 
 
Alexiel Mihawk
04 March 2017 @ 10:16 pm
Drabble: Goblin
Parole: 202
Prompt: Primavera

In love.


The first time he saw her he thought she was way too pretty to be playing a criminal.
Indeed, she was the cop. She was way too pretty to be the detective too, he was one and he wasn’t even half as pretty as she was – later she would have told him that he was so beautiful and so shiny in her eyes that she thought he must have been an actor too.
She kept telling him how she was an actress and how he should have been more polite and kind and nice to her, he didn’t really care about all those things, but he slowly started to realized he wanted to see her smile, he wanted her to be happy.
When they ended the movie and they had to part ways the wind was warmer and the sun was softer on their pale skin; the first days of spring had come and the flowers were in bloom.
Lee Hyuk blinked and for a brief moment – the moment of a blink, of a heartbeat – he thought he had known her already, he has seen her somewhere before. It’s right there, that instant, he realized he was in love.
 
 
 
 
Alexiel Mihawk
04 March 2017 @ 10:23 pm
Drabble: Mad Max
Parole: 198
Prompt: Estate

Deserto


L'afa saliva e copriva ogni cosa, senza posa senza sosta. Era come se le stagioni non esistessero più, il mondo era andato avanti e si era portato via con sé ogni sorta di cosa. L'estate era rimasta indietro a tormentarli, a ucciderli a seccare la loro pelle e i loro cuori, lasciano involucri vuoti di uomini senza cuore e senza anima, dediti più all'odio che all'amore. Così, impegnati in una lotta per la sopravvivenza erano andati avanti in quel deserto aranciato, dai colori tanto accesi quanto abbaglianti, alla ricerca di qualcosa: pace, redenzione, acqua. Non avevano trovato niente. Max non aveva trovato niente, solo valanghe di odio e di rimorsi e di sensi di colpa, e si era messo a seppellire quelle emozioni sotto le dune di un deserto rosso, ma era arrivato il vento e senza sosta aveva continuato a riportarli in superficie e come Max cercava di superare le dune per andare oltre, per andare avanti, ogni volta finiva con lo scivolare in una valanga di sabbia e ricordi. Così era rimasto fermo lì, ad aspettare, in attesa.
Senza volerlo, senza cercarlo, senza provarci aveva trovato quello che aveva inconsciamente sempre desiderato. Aveva trovato Furiosa.
 
 
Alexiel Mihawk
04 March 2017 @ 10:32 pm
Drabble: Band of Brothers
Parole: 239
Prompt: Primavera

C'erano poche cose che avrebbero potuto rendere Nixon più felice del trascorrere un giorno di primavera in una baita in montagna senza un fucile in mano - e riavere il suo cane era una di quelle, ma era anche la più difficile da ottenere, nonché paradossalmente la più improbabile, ma ehi, Lewis pensavaspesso al suo cane, molto spesso. Il vat69 era finito e quando Dick aveva detto che ci avrebbe pensato lui, beh, Nix non si aspettava di certo che avrebbe rimediato a quel modo, nessuno si aspettava assolutamete che avrebbero brindato a quel modo. Ma stiamo correndo troppo.
C'erano poche cose che avrebbero potuto rendere Nixon più felice del trascorrere un giorno di primavera in una baita in montagna senza un fucile in mano, il fatto che quel giorno fosse il giorno della Vittoria in Europa era sicuramente una di quelle cose. Così quando Winters gli aveva detto di seguirlo che aveva una sorpresa per lui, lo aveva fatto - ma lui Dick lo avrebbe seguito anche all'inferno, anche se quello non glielo aveva mai detto.
E niente, niente avrebbe mai potuto rendere quel giorno migliore di avere l'intera riserva di alcolici di Hiter davanti a sé.
Nix ne era sicuro, non aveva mai visto niente di più bello e improvvisamente si rese conto di essere più felice di quanto non fosse mai stato negli ultimi anni - non che fosse difficile, visto come li aveva trascorsi.
 
 
Alexiel Mihawk
Drabble: Rogue One
Parole: 168
Prompt: Estate

Cassian believes in two things


Cassian Andor used to believe in two things: blasters and the rebellion.
He had been travelling around worlds since he was a kid and he had seen many things, planets covered in frost and ice, planets where the sun shone on an eternal summer, planets made of cities and metals and buildings, planets hinabited only by flowers and forests and plants. He had seen many things, mostly beautiful, mostly horrific. The horrific ones where always related to the Empire. He fights because he belives in the cause, he carries a blaster because he can trust no one but himself and the hands he was birth with. Which sounds silly, but in the end it doesn't matter, what matters is what keeps him alive.
Cassian Andor still believes in two things: the rebellion and Jyn Erso.
He still trusts his blaster, but it's not the only thing he trusts; he still believes in the rebellion, but it's thanks to Jyn Erso if he now hopes for a future.
 
 
Alexiel Mihawk
04 March 2017 @ 11:42 pm
Parole 124
Prompt primavera



Furiosa ha il deserto inciso sulla pelle, ma il suo cuore è fatto di verdi pianure e acqua cristallina e notti insonni sotto un cielo scuro mentre le stelle illuminano una vita di speranze e di sogni. Non importa quanto quelle speranze e quei sogni si siano infranti col tempo, nel cuore di Furiosa la primavera eterna e perenne continua a infuriare, facendo da paravento al crudele imperversare della tempesta di sabbia che le graffia il viso e la pelle e le sussurra come il mondo sia perduto, il mondo sia stato ucciso.
Forse è vero, ma Furiosa non ha mai imparato ad accettare niente che le fosse imposto da altri: la fine della vita, la fine della primavera, la fine del mondo.
 
Tags:
 
 
Alexiel Mihawk
04 March 2017 @ 11:42 pm
parole 146
prompt estate

Anakin ha sognato spesso l’estate su Naboo.
I raggi del sole tra i capelli di Padme, il calore sulla pelle durante i pic nic all’aperto, i fiori colorati sbocciati sotto le sue mani, il verde delle colline e l’azzurro del cielo. Ogni cosa di quel pianeta ritorna nei suoi sogni.
Durante le fredde notti invernali di Coruscant, quando il suo corpo riposa su un materasso bianco, tra fredde e insensibili pareti di metallo in un pianeta composto da edifici e grattacieli e città grigie come i loro abitanti, i ricordi di Naboo tornano a galla nella sua mente, nei suoi sogni e gli portano conforto, assieme alla risata felice di Padme.
Darth Vader non sogna, non riposa, non cede ai ricordi. Quasi mai. Naboo tuttavia è sempre lì, inciso nel cuore, inciso nella mente, come una cicatrice e il signore dei Sith non riesce a scacciarlo.
Tags:
 
 
 
Alexiel Mihawk
04 March 2017 @ 11:43 pm
parole 147
prompt inverno

Wang Yeo looked at her and Kim Sun knew the world had stop spinning, just for her, just for a moment, for the Emperor was so much more, the Emperor was everything, and she knew the moment she saw him.
He never truly believed that she was inferior, he never cared either, all that mattered was her smile, the enthusiasm with which she looked at him, the love in her eyes, how she kissed him the first night they spent together. It was winter and the wedding had just been celebrated and she was beautiful, oh so beautiful, she still is, she always will be.
The Grim Reaper looked at Sunny and he still feels that love, that passion, he also feels the guilt, the pain, he feels everything, but she smiles and he know it was worth. Everything was worth. She was, she will always be.

 
Tags:
 
 
Alexiel Mihawk
04 March 2017 @ 11:43 pm
parole 179
prompt primavera

«Dov'eri?»
«Ero qui, Cassian, ero qui» Jyn sospira e gli accarezza i capelli, la primavera su Yavin 4 è clemente e gentile come la carezza di di una donna e spesso l'uomo l'ha associata a lei.
«Ho sognato Scarif, di nuovo. Non ho sognato un dopo».
Jyn gli bacia le tempie, gli bacia le labbra, gli bacia il naso e lo stringe un po' più vicino a sé.
«Lo stiamo vivendo il dopo, lo stiamo vivendo. Era solo un sogno».
«A volte chiudo gli occhi e non so distinguere il sogno dalla realtà. Sono sveglio? Sto sognando? È reale?»
Jyn annuisce piano, e si stringe a lui. E capisce, vorrebbe dirgli che non deve preoccuparsi, che va tutto bene, ma la verità è che capisce, capisce fin troppo bene, perché anche lei da quell'incubo su Scarif non è mai uscita.
Ma in fondo va bene anche così, anche se non va tutto bene, perché anche se sono entrambi spezzati,a nche se qualcosa in loro si è rotto possono provare ad aggiustarla assieme, sotto il sole primaverile di Yavin 4.
Tags:
 
 
Alexiel Mihawk
04 March 2017 @ 11:44 pm
parole 162
prompt primavera

«Stavo pensando di darmi al marketing»
«Non sai nemmeno cosa sia il marketing»
«So un sacco di cose, so che i ciliegi fioriscono in primavera e che i koala mangiano eucalipto e che su di loro ha un effetto placebo, come un oppiaceo. I koala si drogano».
Nami alzò lo sguardo dalla rivista di moda che stava leggendo e fissò con aria interdetta l'amica intenta a mettersi con cura lo smalto sulle unghie.
«Scusa ma cosa c'entrano i koala col marketing?»
«Niente, ma se so dei koala potrei sapere anche del marketing»
«Bonney questa cosa non ha minimamente senso, spero che tu te ne renda conto».
«Lo so, ma l'autrice sta chiaramente avendo un esaurimento nervoso e non se ne è ancora resa conto, ma sta scrivendo chiaramente cose che non hanno un senso logico e-»
«Ma quale autrice? Ma cosa stai dicendo!»
«Quella che scrive, che ci controlla...»
«Sai cosa? Forse il marketing non era poi così male come argomento».
Tags:
 
 
Alexiel Mihawk
04 March 2017 @ 11:44 pm
parole 266
prompt inverno

Jyn Erso era cresciuta con suo padre e Bodhi Rook che per lei era stato come un fratello e per Galen Erso come un figlio.
Sua madre la ricordava appena, ricordava torte appena sfornate e baci fugaci tra lei e suo padre, ricordava il suo nome, il suo sorriso e il suo abbraccio, il resto il tempo lo aveva portato con sé e Jyn aveva lentamente dimenticato. Le restava Galen. Le restava Bodhi. E nonostante tutto, per tutti gli anni che aveva vissuto a casa con loro, non si era mai sentita sola.
Adesso, al primo anno di college, al primo inverso trascorso lontano da casa sua iniziava a capire cosa fosse la nostalgia. Le mancavano la cioccolata calda, il caminetto acceso e le risate felici della sua famiglia, le mancava la voce calma di suo padre e il sorriso timido di suo fratello. Le mancavano così tante cose che a volte le faceva male il cuore a pensarci. In quei giorni usciva di casa, si avvolgeva in una sciarpa pesante e si chiudeva nella libreria all'angolo della strada. Il proprietario era un ragazzo, di poco più grande di lei, i capelli perennemente in disordine e un sorriso sghembo. Trasmetteva calore e sicurezza e a suo modo malinconia. C'era un poltrona, in un angolo del negozio, che lasciava libera apposta per lei, con una coperta a latoe una sedia vicino, 'per chiacchierare' aveva detto. E avevano chiacchierato davvero.
Il primo inverno lontano da casa era stato malinconico e nostagico e a Jyn era mancata la sua famiglia, ma dopo tutto non era stato poi così male.
Tags:
 
 
Alexiel Mihawk
04 March 2017 @ 11:44 pm
parole 178
prompt inverno

Quando suo padre le domandò cosa stesse facendo di bello, la giovane scosse il capo sconsolata - che poi giovane non era nemmeno più tanto, ma le piaceva considerarsi ancora tale.
«Ah, padre, di bello, purtroppo niente, sto cercando di non farmi venire un esaurimento mentre cerchiamo di vincere»
«Vincere cosa?» domandò l'uomo perplesso.
«La sfida della settimana al CoW-T».
«Cos'è?»
«Una sfida di scrittura, in questo caso dobbiamo scrivere storie brevi che usino come prompt le stagioni, il mio preferito è inverno».
«Mi sembra una cagata, e dimmi, figlia, chi gestisce questo sito?»
«Eh, padre, della gente».
«Capisco, vedi, avresti dovuto farlo tu, perché non lo fai tu?»
«Perché non ho cazzi né tempo, né tantomeno è una mia idea».
«Questo è il tuo problema, figlia, pensi alle storie brevi, ma non a come trasformare il tuo hobby in un lavoro» celiò, con il tono di chi ha capito tutto, ma non ha capito niente, e uscì dalla stanza, scuotendo il capo con disapprovazione.
La figlia lo fissò, chiuse la porta e tornò a scrivere.
«Dicevo: inverno...»
Tags:
 
 
 
Alexiel Mihawk
04 March 2017 @ 11:50 pm
parole 203
prompt primavera, estate, inverno

Satine era stata la sua primavera.
Era stata il suo primo bacio e il suo primo amore. Era stata il suo primo pensiero fisso, il suo primo dubbio e il suo primo tutto.
L'aveva conosciuta che era solo un Padawan e l'aveva portata con sé, nel suo cuore, per anni, finché era diventato un cavaliere Jedi. E anche allora aveva continuato a custodirla con gioia, con amore, tenendola vicino al suo cuore come un ricordo da curare con delicatezza.
Poi l'aveva reincontrata e si era reso conto che non era cambiato niente, che valeva ancora lo stesso discorso di un tempo e che se lei avesse detto una parola, anche solo una parola, lui l'avrebbe seguita all'inferno, avrebbe lasciato l'ordine dei Jedi e sarebbe stato suo. Sempre. Satine era diventata la sua estate e il suo amore era sbocciato, profondo e intenso e potente e vano.
E come un vento freddo tutto quello che aveva tra le mani era stato spazzato via in un lampo, in un instante. Era arrivato l'inverno e aveva porato con sé un vuoto che Obi Wan non era riuscito a colmare, che sapeva non avrebbe colmato mai.
Satine era morta e Obi Wan aveva rinunciato al suo amore.
Tags:
 
 
Alexiel Mihawk
04 March 2017 @ 11:54 pm
parole 119
prompt primavera

Rapunzel amava il sole, più dei fiori, più del colore del cielo e quasi quanto le stelle che si alzavano in cielo una volta l'anno.
Forse era perché a suo modo vi era sempre stata legata - non che lo sapesse, erano così tante le cose di cui non era a conoscenza, ma tra tutti i segreti questo era sicuramente il più grande.
La sensazione di calore sulla pelle, il proforumo della primavera, l'odore dei fiori appena sbocciati, il solore portava gioia, portava vita e aveva provato a spiegarlo a Gothel tante volte, ma sua madre pareva non voler capire.
E come avrebbe potuto un essere di notte e tenebre e malvagie macchinazioni apprezzare davvero la luce del sole?
Tags: